Catalogo

Un anno sul Monte Bisbino

Salvatore Corrias, un finanziere nel giardino dei giusti

Di Gerardo Severino
Illustrazioni di Marcello Mura
"Arrestati un istante e leggi i nostri nomi. Avevamo vent´anni e siamo caduti in questo monte nella disperata difesa della nostra libertà che ora è anche tua. Ricordaci!". Questa straziante frase, riportata su di una lastra di marmo posta sul Santuario della Beata Vergine del Bisbino, nei pressi del confine con la Svizzera, ci aiuta a riflettere e a ricordare una delle tante stragi fasciste verificatesi nel nostro Paese all´indomani del fatidico 8 settembre 1943. Era il 28 gennaio 1945, allorquando cadevano sotto il piombo delle Bande Nere della Repubblica Sociale Italiana tre partigiani combattenti, le punte di diamante della gloriosa 52a Brigata Partigiana Garibaldi ed un finanziere, anch´egli partigiano della Brigata Giustizia e Libertà Emanuele Artom. Salvatore Corrias, questo è il nome dell´oscuro finanziere sardo vittima dell´eccidio, più per la sua attività di patriota, morì per aver fattivamente contribuito alla salvezza di centinaia e centinaia di vite umane, molte delle quali in fuga dagli orrori della guerra ma soprattutto dall´assurda caccia all´uomo alla quale erano stati sottoposti da parte dei nazifascisti.

Gerardo Severino

Capitano della Guardia di Finanza Gerardo Severino è nato a Castellabate (Salerno) nel 1961. Arruolato nel Corpo nel 1981, vi ha percorso una brillante carriera operativa. Promosso ufficiale per meriti eccezionali nel 2003, dopo aver prestato lungamente servizio presso il Gruppo d´Investigazione sulla Criminalità Organizzata (GICO) di Roma, è stato posto alla direzione del Museo Storico del Corpo, nonché a capo di due Sezioni dell´Ufficio Storico del Comando Generale della Guardia di Finanza. Attualmente ricopre anche l´incarico di Direttore del ´Nucleo di Ricerca´ al quale il Comandante Generale della Guardia di Finanza ha affidato il compito di ricostruire le azioni umanitarie delle quali si resero protagonisti i finanzieri in favore dei profughi ebrei e dei perseguitati dal nazi-fascismo dopo l´8 settembre 1943.

Note


Disponibile anche in formato e-book

ISBN 9788871387352
Genere Personaggi
Anno 2014
Pagine 104
Formato 15 x 21 cm
Rilegatura Brossura con alette
Immagini / Illustrazioni 30 fotografie in bianco nero
Lingua Italiano
Supporto Cartaceo

€ 15,00

Aggiungi al carrello

Titoli correlati

Un medico in Sardegna
€ 20,00
Enzo, re di Sardegna
€ 13,00
Alla corte dell´Aga Khan
€ 25,00
La mia Asinara
€ 15,00